simone andreoli a Milano

simone andreoli profumi milano

Quando il profumo diventa un viaggio sulla pelle… Diario Olfattivo di Simone Andreoli


Una mappa, un quaderno e una Leica. Fino allo scorso secolo erano i compagni inseparabili di chi si metteva in cammino alla ricerca di nuovi orizzonti e quello che era un diario di viaggio dove annotare le proprie scoperte, tappa dopo tappa, pagina dopo pagina, diventava una memoria di emozioni da lasciare in eredità al mondo. E’ così che sono nati i capolavori di Bruce Chatwin, Norman Lewis, Paul Theroux e Mark Twain.


Oggi, con l’avvento dell’era digitale, si preferisce far scivolare le dita sul tablet, si sceglie di conoscere la meta guardando lo schermo del navigatore satellitare, si ama fissare con lo smartphone gli attimi più intensi del proprio itinerario. Tutti gesti che appiattiscono l’emozione della scoperta e dissolvono la capacità di conoscere i luoghi attraverso i sensi, un’esperienza che vuole offrire il Diario Olfattivo di Simone Andreoli che raccoglie quattro racconti di viaggio trasformati in profumo.
“Tra vent’anni sarete più delusi per le cose che non avete fatto che per quelle che avete fatto. Quindi mollate le cime. Allontanatevi dal porto sicuro. Prendete con le vostre vele i venti. Esplorate, sognate, scoprite“, diceva Mark Twain, un invito colto in pieno da questo giovane creatore che ha usato la mouillette come fosse l’ago magnetico di una bussola, puntandola verso luoghi saturi di aromi.


Il deserto arabico, la campagna inglese e l’Estremo Oriente sono le mete che si raggiungono con Camouflage, Business Man, Sentosa e Deep Island, pagine sulle quali Simone Andreoli ha scritto, con un inchiostro invisibile alla vista ma non all’olfatto, i ricordi e memorie di paesi lontani. La collezione Simone Andreoli Diario Olfattivo si declina in due capitoli: Sinestesia di Odori (Business Man e Deep Island), composizioni che viaggiano sulla pelle con note frizzanti e luminose, e Scritture nel Buio (Camouflage e Sentosa), jus caldi che, con la complicità della notte, amano passeggiare tra le pieghe più dolci del corpo. Quattro itinerari per i quali non sono richiesti bagagli, visti e passaporti, ma solo il desiderio di uscire dai propri confini, anche interiori, per seguire l’istinto e il fremito del proprio naso.


“Ma i veri viaggiatori partono per partire e basta: cuori lievi, simili a palloncini che solo il caso muove eternamente, dicono sempre ‘Andiamo’, e non sanno perchè. I loro desideri hanno le forme delle nuvole.” Charles Baudelaire

NOVITA' 2018

Simone Andreoli Pacific Park profumo a Milano da Ylang Ylang

Pacific Park di Simone Andreoli ci fa rivivere il sapore delle caramelle, le risate con gli amici e la musica degli organetti. Indossarlo è uno dei modi migliori per cominciare a lasciarci alle spalle questo lungo inverno e per guardare alla prossima estate, tempo di riposo e divertimenti.

Piramide olfattiva Pacific Park – Simone Andreoli Diario Olfattivo
Note di testa: mandarino, pera, ribes nero
Note di cuore: accordo “caramello”, mughetto
Note di fondo: vaniglia del Madagascar, muschio bianco

Concentrazione e formato Pacific Park – Simone Andreoli Diario Olfattivo
Eau de Parfum – 100 ml

 shop online